La pagina principale
 Informazione
 SERVI DI DIO
  Padre Fabian Abrantowicz
  M. Caterina Abrikosova, OPL
  Padre Epifanij Akulov
  Padre Konstanty Budkiewicz
  Padre Franciszek Budris
  Padre Potapij Emel'janov
  Suor Rosa del Cuore di Maria
  Kamilla Krushel'nickaja
  Monsignor Antonij Maleckij
  Padre Janis Mendriks
  Padre Jan Trojgo
  Padre Pavel Chomich
  Padre Andrej Cikoto
  Padre Anton Czerwinski
  Padre Stanislaw Szulminski
 Archivio
  Monsignor Eduard Profittlich
 Contatti
 Biblioteca

 

Padre Janis Mendriks


О. Янис Мендрикс


Padre Janis Mendriks nacque in Lettonia, nei pressi di Aglona, il 21 gennaio 1907. Entrò nella comunità dei padri mariani nel 1926. Pronunciò i voti perpetui il 6 gennaio 1933. Si diplomò al ginnasio cattolico di Aglona e studiò in seminario. Ordinato sacerdote nel 1938, esercitò il suo ministero in diverse parrocchie. Nel 1942, mentre celebrava nella parrocchia di Ostronsk, rifiutò di dare sepoltura cristiana a un poliziotto tedesco, in quanto noto peccatore impenitente. Il sacerdote fu minacciato di morte e costretto a nascondersi fino alla fine della guerra. Al termine del conflitto, quando il territorio fu occupato dalle truppe sovietiche, ricominciò apertamente il suo ministero pastorale. Nel 1950 fu arrestato e condannato a 10 anni di lager. Fu inviato a Vorkuta, nella repubblica dei Komi, dove lavorò all’estrazione del carbone. Durante la reclusione assisteva di nascosto i fedeli, celebrava la Messa e amministrava la Comunione, che portava sempre con sé segretamente. Dopo la morte di Stalin i prigionieri, sperando che sarebbero stati liberati, si rifiutarono di andare a lavorare. Le autorità, non riuscendo a farsi obbedire, decisero di eliminarli. Padre Mendriks rimase con loro per prepararli alla morte, cosciente che sarebbe stato ucciso insieme a loro. Fu tra i primi a essere fucilato dai soldati il 1° agosto 1953. Nella congregazione dei padri mariani è diffusa l’opinione che padre Mendriks sia morto martire.










Fotografie


© Postulator Causae Beat. seu Declarationis Martyrii S. D. Antonii Malecki et Soc.