La pagina principale
 Informazione
 SERVI DI DIO
  Padre Fabian Abrantowicz
  M. Caterina Abrikosova, OPL
  Padre Epifanij Akulov
  Padre Konstanty Budkiewicz
  Padre Franciszek Budris
  Padre Potapij Emel'janov
  Suor Rosa del Cuore di Maria
  Kamilla Krushel'nickaja
  Monsignor Antonij Maleckij
  Padre Janis Mendriks
  Padre Jan Trojgo
  Padre Pavel Chomich
  Padre Andrej Cikoto
  Padre Anton Czerwinski
  Padre Stanislaw Szulminski
 Archivio
  Monsignor Eduard Profittlich
 Contatti
 Biblioteca


Madre Caterina Abrikosova, OPL




Мать Екатерина Абрикосова
Anna Ivanovna Abrikosova nacque il 2 gennaio 1883 a Mosca, da famiglia di commercianti. Nel 1903, conclusi gli studi al Garton College, presso l’Università di Cambridge, tornò in Russia e sposò Vladimir Vladimirovich Abrikosov. Il 20 dicembre 1908 a Parigi si convertì al cattolicesimo. Nel 1913 fu ammessa al terz’ordine domenicano. Dal 1917 abbracciò il rito bizantino. Nel 1917 fondò e guidò una comunità di suore terziarie domenicane. Nel 1923 fu arrestata assieme alle sue consorelle e condannata a dieci anni di carcere. Nel 1932 fu operata di cancro al seno e liberata per ragioni di salute. Nel 1933 fu di nuovo arrestata e condannata a otto anni di lager. Morì il 23 luglio 1936 nell’infermeria della prigione di Butyrki a Mosca, il suo corpo fu cremato il 27 luglio 1936.

Madre Caterina era pronta ad accettare il martirio per Cristo. Pur avendo avuto la possibilità di espatriare poco prima dell’arresto, scrisse: “Desidero, comunque, vivere solo di fede e mantenere fino alla fine il mio voto di offrire la vita per i sacerdoti e per la Russia”. In lager e in prigione professò sempre con fermezza la fede cattolica. Quando poteva, sosteneva spiritualmente le consorelle della sua comunità e gli altri detenuti.

Molti fedeli in Russia e all’estero, tra cui i cattolici russi di rito bizantino e alcuni gruppi di terziari domenicani, custodiscono la memoria del suo martirio. In Russia e all’estero sono state pubblicate alcune opere sulla sua figura. Molti fedeli ricorrono alla sua intercessione.



Fotografie

Il depliant


© Postulator Causae Beat. seu Declarationis Martyrii S. D. Antonii Malecki et Soc.